Arrighini Angelo
2021/7, p. 1
La recente assemblea “online” dei superiori e delle superiore generali sul tema “obbligato” del lockdown; le testimonianze di fratel Janson Hervé dei “Piccoli fratelli di Gesù” e di sr. Graciela Francovig delle “Figlie di Gesù”.
Spezzati Nicla
2021/7, p. 1
In queste pagine ad accompagnarci nelle pieghe degli Orientamenti, pubblicati nel febbraio del 2020 dalla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, è sr. Nicla Spezzati delle Suore Adoratrici del Sangue di Cristo, che per anni ha svolto il suo servizio presso il Dicastero Vaticano. Senza nascondere la complessità che attraversa e coinvolge la vita consacrata, è lo stesso papa Francesco a riconsegnare religiosi e religiose alla propria identità dentro la comunità ecclesiale, come «uomini e donne che illuminano il futuro».
Spezzati Nicla
2021/7, p. 3
Siamo chiamati a scrollarci di dosso “la paralisi della normalità”. Suona ancora l’invito alla necessità di nuova discretio nell’accostare la mutazione antropologica e socio-culturale dell’era delle grandi incertezze, senza spegnere l’incanto originario e il suo sapore di Vangelo.
Prezzi Lorenzo
2021/7, p. 4
Tempi precisi per i mandati di governo e responsabilità di ogni membro in ordine alla scelta dei vertici (la rappresentatività): sono le intenzioni del decreto del dicastero vaticano per i laici delle associazioni internazionali di fedeli che hanno un riconoscimento pontificio. Sono 109. Fra le più note: il movimento dei Focolari, Comunione e liberazione, Arche, Chemin Neuf, Comunità di vita cristiana, Beatitudini, Sodalizio, Araldi del Vangelo, Cammino neocatecumenale, Cursillos de Cristianidad, Rinnovamento nello Spirito ecc. Il documento è uscito l’11 giugno ed entra in vigore fra tre mesi.
Janua Broker Spa
2021/7, p. 4
MÜLLER ROLAND
2021/7, p. 6
Per la prima volta, con padre Gerard Francisco Timoner, un primo asiatico è stato eletto Maestro dell’Ordine domenicano.Nella seguente intervista il padre spiega come la sua origine asiatica (filippina) abbia qualcosa da offrire e sottolinea come dallo stile di sinodalità praticato da sempre nell’Ordine domenicano tutta la Chiesa può imparare qualcosa.
Cabra Piergiordano
2021/7, p. 9
Frate Gioacchino sta per compiere 80 anni e pensa di chiedere ospitalità ad un monastero per un ritiro di tre giorni, per tentare di fare un bilancio della sua vita, con la calma concessa dall’età....
Poli Gian Franco
2021/7, p. 11
Oggi la vita religiosa non solo è chiamata a «uscire verso gli altri per giungere alle periferie umane» ma, contestualmente deve sapere che questa scelta «non vuol dire correre verso il mondo senza una direzione e senza essere consapevoli del senso.
Chiaro Mario
2021/7, p. 13
È stato scelto come motto dell’anno: “Vedere tutte le cose nuove in Cristo”» per significare che non si tratta di volgersi indietro, né di esaltare la figura di Ignazio, ma di identificarci con la persona di Gesù Cristo e di sintonizzarci con lo sguardo di chi ha dato la vita per tutti noi.
Angelini Maria Ignazia
2021/7, p. 14
Mc 5,28: “se solo toccherò la frangia del suo mantello”: una dalla folla dei qualunque, segnata da una malattia inconfessabile che la rende impura, inavvicinabile. Cerca di restare nascosta, si affida perdutamente a un contatto reale, corporeo che non la esponga alla vergogna e arresti lo svenamento del male che esaurisce in lei la vita. Un misto di fede e di superstizione, un diamante che attende di uscire dal carbone che lentamente lo genera. Simbolo stupendo della preghiera cristiana, nel corpo.
Seghedoni Ivo - Rinaldi Fabrizio
2021/7, p. 17
L’idea-chiave intorno a cui si è sviluppato il progetto è di accompagnare la transizione delle parrocchie da un modello ancora in parte “tridentino” ad una presenza missionaria sul territorio, accogliendo la visione ecclesiologica di papa Francesco. Il coinvolgimento di sette parrocchie.
Crea Giuseppe
2021/7, p. 20
È questo il tempo della vita, in cui ognuno è chiamato a riscoprire le tante risorse che fondano la propria identità umano-spirituale, per dar voce ad una speranza che si traduce in scelte da realizzare giorno dopo giorno.
Chiaro Mario
2021/7, p. 22
Il 6 giugno di ventuno anni fa è stata massacrata a colpi di pietra e con numerose coltellate da tre ragazze minorenni durante un rituale satanico, messo in atto dopo aver attirato la religiosa con un inganno, di sera, in un luogo poco frequentato. Durante le indagini, una delle tre giovani ha raccontato che, quando iniziarono a infierire su di lei, suor Laura invocò il perdono di Dio per loro. Questa notizia fu un raggio di luce in un momento di tenebre per tutta la comunità di Chiavenna.
Gellini Anna Maria
2021/7, p. 23
Gellini Anna Maria
2021/7, p. 25
Prezzi Lorenzo
2021/7, p. 27
«Essere padri significa introdurre il figlio all’esperienza della vita, alla realtà. Non trattenerlo, non imprigionarlo, ma renderlo capace di scelte, di libertà, di partenze». (Francesco in Patris corde).
Cozza Rino
2021/7, p. 29
La questione seria per la vita religiosa (VR) oggi è rilanciare il Vangelo della fraternità su basi nuove, perché il domani ci sarà per quella VR che saprà assumere modi di operare aperti a sogni flessibili, ricchi di immaginazione e sapienza evangelica.
Senza firma
2021/7, p. 32
Maria 2.0 è un movimento femminile tedesco, nato dalla libera iniziativa di donne e consacrate impegnate attivamente nella vita ecclesiale. Si è sviluppato in seguito alla lettura dell’enciclica di papa Francesco “Evangelii Gaudium”. Preoccupate dalla situazione attuale della Chiesa tedesca (e non solo), un numero sempre maggiore di donne ha deciso di lottare per un futuro migliore.
Antoniazzi Elsa
2021/7, p. 33
San Domenico, il grande predicatore, che con la sua parola ha mosso il cuore di molti, continua ad insegnare anche con il silenzio di immagini che lo ritraggono pregare in diverse posizioni.
Morandini Simone
2021/7, p. 35
Gli ultimi decenni hanno visto crescere l’attenzione per quell’eco-teologia che si radica nel “vangelo della creazione” cui è dedicato anche il II capitolo della LS di papa Francesco. Ha dunque ritrovato centralità nelle diverse confessioni cristiane la nozione di creazione, parte integrante della fede cristiana, ma spesso lasciata in secondo piano dalla riflessione novecentesca.
Carpentieri Giovanni
2021/7, p. 37
... sono un prete della Chiesa di Roma e un educatore professionale. Mi occupo di disagio giovanile, di tutti quei giovani a rischio di devianza sociale, una delle tante “periferie esistenziali” che esplodono a Roma. La fascia di riferimento ha un’età tra i 12-22 anni. La nostra esperienza mostra che, se non si vanno a cercare, non arriveranno mai da nessuna parte, tantomeno in una realtà ecclesiale: sono invisibili, ma devastanti!
Dall'Osto Antonio
2021/7, p. 38
MYANMAR Un genocidio a ritmo lento SIRIA Mar Musa: così continuiamo l’opera di p. Dall’Oglio VATICANO Giornata mondiale dei poveri
Castellucci Erio - Pangrazzi Arnaldo
2021/7, p. 40
Maria ha sperimentato nella sua carne il braccio potente di Dio, quando lei stessa ha abbracciato il Dio potente, il suo figlio, ridotto in una condizione di impotenza, perché aveva condiviso in tutto la debolezza degli uomini.
Ferreira Manuel Augusto Lopes
2021/7, p. 41
L’Europa cristiana riconosce ancora gli istituti missionari come espressione della propria missionarietà? Gli istituti hanno consapevolezza di appartenere alle Chiese del continente? Le due domande reggono lo studio dell’autore (p. Manuel Augusto Lopes Ferreira), ex-superiore generale dei Missionari comboniani.
Gellini Anna Maria
2021/7, p. 46
Le conversazioni su pena, speranza, giustizia riparativa che Paola Ziccone propone, fanno trasparire una non comune onestà professionale in armonia con innegabili valori umani e spirituali, orientati a costruire relazioni sociali positive, a «educare e non sopprimere o soffocare» o lasciar «soccombere dentro il male».
Gellini Anna Maria
2021/7, p. 47
Il filo conduttore è l’esplorazione della natura e delle potenzialità della “cura” come gesto di relazione e di connessione sociale. In tempo di pandemia «chi è stato raggiunto da un gesto, un’attenzione, chi ha trovato qualcuno che si sia preso cura di lui, nella vulnerabilità ha ritrovato l’umanità».
Presentazione

Negli anni recenti abbiamo sentito spesso ripetere l’invito: «Vita consacrata, alzati!». Dopo l’Anno ad essa dedicato e il dono dell’Anno giubilare della misericordia, i consacrati si mettono ora in cammino con rinnovata fiducia. E lo fanno, a cinquant’anni dal Concilio, in una «Chiesa in uscita» che invita ad andare al largo, verso le periferie, là dove da sempre hanno stabilito la loro presenza privilegiata, con tutta la ricchezza dei loro carismi. È giunto il tempo di ripartire, di vivere il presente con nuova passione e di guardare al futuro con rinata speranza, nonostante le crisi e le difficoltà. Con l’amicizia e il sostegno dei lettori, su cui da sempre fa affidamento, la storica rivista Testimoni si propone di accompagnare questo cammino, mettendo al cuore del suo programma le note attese di papa Francesco, e di essere un piccolo efficace strumento per aiutare a leggere i segni dei tempi, a discernere ciò che oggi lo Spirito ci dice e a versare «vino nuovo in otri nuovi».

Chi siamo

Direttore responsabile
p. Lorenzo Prezzi scj Tel. 051.39.41.305

Co-direttore
p. Antonio Dall'Osto scj Tel. 051.39.41.316

Redazione
p. Marcello Matté scj
p. Enzo Brena scj
Mario Chiaro
sr. Anna Maria Gellini
sr. Elsa Antoniazzi

Contatti

Per inoltrare le tue richieste alla redazione scrivi a:
testimoni@dehoniane.it

Ufficio abbonamenti
Via Scipione dal Ferro, 4
40138 Bologna BO
Tel. +39 051 3941255
Fax +39 051 3941299
ufficio.abbonamenti@dehoniane.it
telefonare dal lunedì al venerdì: dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Credits

Centro editoriale dehoniano
via Scipione Dal Ferro 4 – 40138 Bologna
Tel. 051 3941255 Fax 051.3941299