Si salva chi non può

Modi attuali di intendere la salvezza. A cura e con postfazione di Paolo Costa

Pubblicazione:  settembre 2020
Edizione:  1
Pagine:  120
Peso:  144 (gr)
Collana:  P9 Lampi
Formato:  100x165
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Curatore letterario Paolo Costa
EAN:  9788810567975 9788810567975
€ 9,00

non acquistabile
Descrizione
Che relazione c’è tra la ricerca individuale della felicità e la redenzione?
Come vengono affrontati oggi, direttamente e indirettamente, i temi tradizionali della dottrina della salvezza nella cultura occidentale, cioè nell’arte, nella musica, in TV, nel cinema, nella psicologia e nella vita economica?
Dopo avere esposto i risultati di alcuni casi di studio e il loro contributo alla formulazione di una concezione aggiornata della redenzione, Marsh chiarisce in questo libro che cosa possa significare in pratica oggi una teologia della salvezza.
Sommario
Premessa.  I. Teologia e fioritura umana. 1. Esempi contemporanei di redenzione e salvezza.  2. «Per» e «in vista di» che cosa le persone sono salvate? (Di che cosa sono alla ricerca?).  3. Intuizioni teologiche sulla salvezza per l’Occidente contemporaneo.  II. Postfazione. Perché si salva chi non può? (P. Costa). 1. Lo stallo.  2. Salvare il pianeta a banchi.  3. La speranza dei senza speranza.
Note sull'autore
Clive Marsh è direttore del Vaughan Centre for Lifelong Learning all’Università di Leicester e Research Fellow alla Queen’s Foundation for Ecumenical Theological Education di Birmingham.

Paolo Costa è ricercatore al Centro per le Scienze Religiose della Fondazione Bruno Kessler di Trento, ha pubblicato La ragione e i suoi eccessi (Feltrinelli 2014) e ha curato per EDB testi di Hannah Arendt, André Comte-Sponville, Martha Nussbaum, Harvey Cox e Anthony J. Carroll.