La Cosa

Nota di lettura di Paolo Fabbri

Pubblicazione:  5 marzo 2018
Edizione:  1
Pagine:  48
Peso:  62 (gr)
Collana:  P9 Lampi
Formato:  102x165x4 (mm)
Confezione:  Brossura con bandelle
Altri autori:  Nota introduttiva di Paolo Fabbri  -  Tradotto da Sabina Sacchi
EAN:  9788810567807 9788810567807
€ 6,50 € 5,53
Sconto:  15%
Risparmi: € 0,97 ogni copia
Descrizione

Questo testo risale al 1967, anno in cui Perec entra a far parte dell'OuLiPo, l'opificio di letteratura potenziale, con Raymond Queneau, Jacques Roubaud e Italo Calvino.

La forza di rottura che il free jazz – o new thing – porta nello stallo e nella stagnazione che seguono la morte di Charlie Parker, consente all'autore di chiarire questioni che riguardano soprattutto i problemi della scrittura.

Il contributo di Perec – osserva Paolo Fabbri – potrebbe smussare il duro giudizio sull'esoterismo delle avanguardie pronunciato dal grande storico del Novecento Eric J. Hobsbawm, secondo il quale il jazz e il cinema, più del cubismo e delle ricerche musicali dotte, hanno rappresentato le esperienze estetiche più ricche di senso per gli uomini del XX secolo. 

Sommario
La cosa.  Nota di lettura. Un gioco esemplare di vincoli e libertà (P. Fabbri).
Note sull'autore
Georges Perec (1936-1982), scrittore francese, si impone con il primo romanzo Le cose e nel 1967 entra a far parte dell'OuLiPo divenendone ben presto figura di spicco. La sua opera principale è La vita, istruzioni per l'uso, nella quale descrive in modo metodico, tra ironia e pessimismo, le persone e le cose presenti e passate di un caseggiato parigino. 

Paolo Fabbri, semiologo, ha collaborato per molti anni con Algirdas J. Greimas a Parigi e con Umberto Eco a Bologna. Ha insegnato nelle Università di Firenze, Urbino, Palermo, Bologna e in molti atenei europei e americani. È stato direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di Parigi.