Le Virtù dell’educatore

Una pedagogia dell'emancipazione. Prefazione di Goffredo Fofi

Pubblicazione:  23 ottobre 2017
Edizione:  1
Pagine:  88
Peso:  86 (gr)
Collana:  P9 Lampi
Formato:  102x165x8 (mm)
Confezione:  Brossura con bandelle
Prefazione di:  Goffredo Fofi
Altri autori:  Tradotto da Marco Dal Corso  -  Tradotto da Fabrizio Iodice  -  Preparato per la pubblicazione da Valeria Riguzzi
EAN:  9788810567661 9788810567661
€ 8,50 € 7,23
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,27 ogni copia
descrizione
La coerenza tra il dire e il fare. La capacità di governare la tensione tra parola e silenzio, tra soggettività e oggettività, tra il «qui e ora» dell’educatore e il «qui e ora» dell’educando. Evitare lo spontaneismo senza cadere nella manipolazione, vincolare teoria e pratica, esercitare una «pazienza impaziente», leggere il testo a partire dal contesto. Sono queste, a giudizio di Freire, le virtù dell’educatore.
Critico nei confronti di ciò che definisce il concetto «bancario» dell’educazione – lo studente visto come un conto vuoto da riempire – Freire estende la funzione educativa anche al professore universitario e ribadisce una «pedagogia dell'emancipazione» dialogica e problematizzante. Essa fa leva sull’alfabetizzazione come strumento di acquisizione della coscienza politica e del conseguente avvio di un processo di liberazione personale e collettivo.
sommario
Prefazione (G. Fofi).  I. Le virtù dell’educatore.  II. La concezione «bancaria» dell’educazione e la disumanizzazione.  III. Il professore universitario come educatore. 
note sull'autore
Paulo Freire (1921-1997), pedagogista brasiliano studiato e tradotto in tutto il mondo, dopo il colpo di Stato militare del 1964 fu imprigionato e poi costretto all’esilio in Bolivia, Cile, Stati Uniti e Svizzera. Visiting professor all’Università di Harvard, dopo un anno a Cambridge si trasferì a Ginevra per lavorare come consigliere educativo speciale del Consiglio ecumenico delle Chiese. Rientrato in Brasile, affiancò all’insegnamento e allo studio un’intensa attività politica e sostenne apertamente la teologia della liberazione. Tra le sue opere, pubblicate dalle Edizioni Gruppo Abele, Pedagogia degli oppressi, Pedagogia dell’autonomia e Pedagogia della speranza.