In principio era il Verbo

Tre letture filosofiche sul prologo del quarto Vangelo

Pubblicazione:  25 novembre 2013
Edizione:  1
Pagine:  72
Peso:  104 (gr)
Collana:  P5 Sguardi  sezione: Filosofia
Formato:  120x180x8 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810555187 9788810555187
€ 6,50 € 2,28
Sconto:  65%
Risparmi: € 4,22 ogni copia
Descrizione
«In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio». Pur composto di soli 18 versetti, il prologo del quarto Vangelo, che la tradizione della Chiesa attribuisce all’apostolo Giovanni, è da sempre un luogo privilegiato di interpretazione esegetica, teologica e filosofica. Il saggio prende in esame le letture proposte da tre autori, uno di tradizione riformata, uno di estrazione ortodossa e uno di area cattolica. La prima voce è di Schelling (1775-1854), esponente dell’idealismo tedesco; la seconda di Solov’ëv (1853-1900), filosofo, teologo, poeta e critico letterario russo; la terza di Edith Stein (1891-1942), religiosa e filosofa tedesca, morta nel campo di concentramento di Auschwitz e proclamata santa nel 1998.
Sommario
I. Il prologo giovanneo nella Filosofia della rivelazione di Schelling.  II. Vladimir Solov’ëv interprete di san Giovanni.  III. Edith Stein e il prologo giovanneo: dal logos al Logos.
Note sull'autore
Marcello Acquaviva è professore straordinario di Filosofia teoretica e Filosofia della religione nella Facoltà Teologica Pugliese. Insegna inoltre Filosofia sistematica all’Istituto superiore di scienze religiose di Taranto e Antropologia cristiana alla Lumsa. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Edith Stein. Dal senso dell’essere al fondamento eterno dell’essere finito (Armando, 2002), Il concreto vivente. L’antropologia filosofica e religiosa di Romano Guardini (Città Nuova, 2007) e La filosofia sul sagrato (Servi della sofferenza, 2011).