Galileo al Concilio

Storia di una citazione e della sua ombra

Pubblicazione:  8 luglio 2013
Edizione:  1
Pagine:  80
Peso:  116 (gr)
Collana:  P5 Sguardi  sezione: Storia
Formato:  120x180x7 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810555132 9788810555132
€ 7,00 € 2,45
Sconto:  65%
Risparmi: € 4,55 ogni copia
Descrizione
Il 17 novembre 1962 il nome di Galileo Galilei risuona inaspettatamente nella basilica di San Pietro, divenuta aula del concilio Vaticano II, solennemente aperto da Giovanni XXIII. La citazione, dopo quattro secoli in cui il «caso» ha offerto cornice a innumerevoli dispute e battaglie intellettuali che hanno coinvolto scienza, diritto e teologia, non è astratta o casuale, ma rientra nel vivo delle discussioni sulla rivelazione ed è in stretto rapporto con il timore di una condanna della curia romana al gesuita Teilhard de Chardin, morto nel 1955. Contrariamente a quanto si è sempre creduto, l’indiretta citazione di Galileo si riduce, con un’abile mossa, alla rievocazione di un celebre e censurato libro del dotto monsignore Pio Paschini. In questo modo il riferimento allo storico caso, per come esso appare nel Vaticano II, ripropone con forza il tema della funzione del magistero nella vita della Chiesa.
Note sull'autore
ALBERTO MELLONI (1959) è ordinario di Storia del cristianesimo all’Università di Modena-Reggio Emilia e titolare della cattedra Unesco sul pluralismo religioso e la pace all’Università di Bologna. Allievo di Giuseppe Alberigo, dirige la Fondazione per le Scienze religiose «Giovanni XXIII» di Bologna. Collabora con la Rai e con il Corriere della Sera. Ha lavorato alla Storia del Concilio Vaticano II diretta da Giuseppe Alberigo e ha condotto l’Edizione nazionale dei diari di A.G. Roncalli (Istituto per le scienze religiose, 2003-2008), il Dizionario del sapere storico-religioso del Novecento (Il Mulino, 2010) e Cristiani d’Italia. Chiese, società, Stato 1861-2011 (Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani, 2011). Per EDB ha curato Sette proposte per il Conclave. Attualità e limiti di un memorandum (2013).