L' Animale e la macchina

Come il post-umano interpella la pastorale. Prefazione di Giuseppe Lorizio

Pubblicazione:  16 ottobre 2017
Edizione:  1
Pagine:  80
Peso:  92 (gr)
Collana:  M2 Cammini di Chiesa
Formato:  110x185x6 (mm)
Confezione:  Brossura
Prefazione di:  Giuseppe Lorizio
EAN:  9788810521595 9788810521595
€ 8,00 € 6,80
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,20 ogni copia
Descrizione
Il cambiamento tecnologico crea non «un uomo nuovo», come prospettavano i manifesti cyborg, ma «del nuovo nell’uomo», poiché non esiste innovazione tecnica a cui non corrisponda una mutazione antropologica. Le tecnologie sono infatti oggetti sociali rivestiti di simbolico, ma soprattutto proiezioni della coscienza dell’uomo, delle sue virtù e dei suoi vizi. I mezzi messi a disposizione dalle biotecnologie - trasferimento  di geni, trapianti di tessuti e organi, interventi di ingegneria molecolare - rischiano tuttavia di oscurare le molteplici risorse animali già presenti in ognuno di noi, eredità dei nostri predecessori non umani e quasi sempre represse perché difficili da inquadrare in una visione intelligente della vita e del mondo. Codificare le istanze che caratterizzano il postumano, che ha un largo impatto nel panorama scientifico e culturale contemporaneo anche se non ancora una definizione univoca, interpella la vita pastorale e consente di riflettere sui tentativi di relegare l’uomo nel sogno – o nell’illusione – di un’immortalità realizzata tecnologicamente.
Sommario
Prefazione (G. Lorizio).  I. La pervasività della tecnica (M. Padula).  II. Il rapporto uomo-macchina (G. Iacovitti).  III. L’animale che è in noi (C. Cirotto).  IV. Corporeità e sessualità nell’orizzonte post-umano (P. Benanti).  V. Il post-umano interroga la pastorale (A. Mastantuono). 
Note sull'autore
Massimiliano Padula è docente di Sociologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Facoltà di Scienze dell'Educazione Auxilium.

Giovanni Iacovitti è stato professore ordinario di Elaborazione numerica dei segnali all’Università La Sapienza di Roma.

Carlo Cirotto è stato docente di Citologia e istologia all’Università di Perugia.

Paolo Benanti è docente associato alla Facoltà di Teologia della Pontificia Università Gregoriana.

Antonio Mastantuono è docente di Teologia pastorale alla Pontificia Università Lateranense.

Giuseppe  Lorizio è docente di Teologia fondamentale alla Pontificia Università Lateranense.
degli stessi autori