La Concreta utopia di Adriano Olivetti

Pubblicazione:  14 ottobre 2013
Edizione:  1
Pagine:  104
Peso:  116 (gr)
Collana:  F5 Itinerari
Formato:  120x185x7 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810513385 9788810513385
Ultima ristampa:  30 aprile 2018
€ 7,50 € 6,38
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,12 ogni copia
Descrizione
Imprenditore illuminato, «utopista tecnicamente provveduto», sindaco e deputato al Parlamento, Adriano Olivetti (1901-1960) è stato uno degli italiani più originali e lucidi del Novecento. Idealmente inserito nel solco della tradizione di un socialismo consapevole e riformista, ha intuito con anticipo la crisi dei partiti politici e dei sistemi urbani metropolitani. Uomo intimamente religioso, di padre ebreo e madre valdese, si era convertito al cattolicesimo, leggeva con passione Emmanuel Mounier, Jacques Maritain e Simone Weil e amava costellare i suoi discorsi di citazioni evangeliche. Laureato in Chimica industriale al Politecnico di Torino, Olivetti aveva soggiornato negli Stati Uniti per studiare i metodi produttivi e la struttura organizzativa delle grandi fabbriche americane, un’esperienza che lo aveva portato a rinnovare radicalmente l’azienda paterna di Ivrea ? la prima a produrre in Italia macchine per scrivere ? trasformandola in una multinazionale. Alla ricerca di un rapporto armonico tra città e campagna, fra industria e comunità – ma senza angustie municipaliste e paternalismi strapaesani ? Olivetti aveva rinunciato al sistema a cottimo e aveva modificato la catena di montaggio affinché la sua fabbrica diventasse un modello di socialità e di industrializzazione senza disumanizzazione.
Sommario
Prefazione.  L’uomo e le sue idee.  Un imprenditore creativo.  Politica e comunità.  La terza via.  Vangelo e rivelazione.  Documenti. La Dichiarazione di Ivrea 22 gennaio 1955.  L’esperienza sindacale di Ivrea.  Il «Fordismo».
Note sull'autore
Franco Ferrarotti, professore emerito di Sociologia all’Università La Sapienza di Roma, direttore della rivista La Critica sociologica, deputato indipendente al Parlamento italiano dal 1958 al 1963, è stato tra il 1948 e il 1960 tra i più stretti collaboratori di Adriano Olivetti. È stato tra i fondatori, a Ginevra, del Consiglio dei Comuni d’Europa nel 1949, responsabile della divisione Facteurs sociaux dell’Ocse a Parigi. Nominato Directeur d’études alla Maison des Sciences de l’Homme di Parigi nel 1978, è stato insignito del premio per la carriera dall’Accademia nazionale dei Lincei nel 2001 e nominato Cavaliere di gran croce al merito della Repubblica dal presidente Ciampi nel 2005.Collegamenti al webRecensione su RaiNews24 del 05 novembre 2013 http://confini.blog.rainews24.it/2013/11/05/la-concreta-utopia-di-olivetti/