L' Avvenire del Concilio

Nuovi approcci al Vaticano II

Pubblicazione:  19 settembre 2016
Edizione:  1
Pagine:  240
Peso:  302 (gr)
Collana:  B3 Nuovi saggi teologici
Formato:  140x210x14 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Tradotto da Daniela Caldiroli  -  Riveduto da Maurizio Rossi
EAN:  9788810412138 9788810412138
€ 26,00 € 22,10
Sconto:  15%
Risparmi: € 3,90 ogni copia
Descrizione
Ricerca storica e analisi teologica sono i capisaldi dell’imponente lavoro interpretativo che l'autore sta conducendo da molti anni sul concilio Vaticano II. Un considerevole processo di apprendimento ecclesiale, che ha connotato la seconda metà del ‘900 e prosegue ancora oggi, ha contribuito a definire il profilo della Chiesa alle prese con la complessità del nostro tempo. In questo senso, per Theobald il Vaticano II non è l’ultimo di una cristianità euro-atlantica, ma il primo di una Chiesa diventata mondiale e interculturale. Nella differenza tra queste due prospettive il volume indica il percorso per entrare in una nuova fase di ricezione conciliare con l’intento di farne emergere le potenzialità. Un modo di procedere che tiene conto del contesto transculturale e del radicamento concreto delle nostre esistenze.
Sommario
Abbreviazioni.  Introduzione.  I. Entrare in una nuova fase di recezione conciliare. Considerazioni ermeneutiche. 1. Vaticano II: un corpus, uno stile, delle condizioni di recezione.  2. Lo stile pastorale del Vaticano II e la sua recezione post-conciliare. Elaborazione di una criteriologia e alcuni esempi significativi.  3. La recezione del concilio Vaticano II. A proposito della funzione normativa della storia nella teologia cattolica.  4. «L’ermeneutica di riforma» implica una riforma dell’ermeneutica?  5. Le grandi intuizioni future del concilio Vaticano II. Per una «grammatica generativa» dei rapporti tra vangelo, società e Chiesa.  II. Discernere le potenzialità dei testi principali. 6. La costituzione Dei Verbum del concilio Vaticano II. Un grande testo – un testo di compromesso.  7. Il cristianesimo come stile di vita. La ricerca di una figura portatrice di avvenire per la Chiesa.  8. Le potenzialità di Gaudium et spes di fronte alle difficoltà contemporanee del «credere». A proposito delle recezioni germanofone e francofone della teologia dei «segni dei tempi».  Conclusione.  Liturgia e missione.  Bibliografia tematica.  Indice dei nomi.
Note sull'autore
Christoph Theobald, gesuita, è professore di Teologia fondamentale e dogmatica al Centre Sèvres di Parigi e direttore di Recherches de Science Religieuse. Numerose sue pubblicazioni sono state tradotte in Italia da EDB, tra cui: La Rivelazione (22009); Il cristianesimo come stile. Un modo di fare teologia nella postmodernità (2 volumi, 22010); Trasmettere un Vangelo di libertà (2010); Vocazione?! (2011); «Seguendo le orme...» della Dei Verbum. Bibbia, teologia e pratiche di lettura (2011); La recezione del Vaticano II. 1. Tornare alla sorgente (2011); La teologia di Bach. Musica e fede nella tradizione luterana (con Philippe Charru, 2014), La lezione di teologia. Sfide dell’insegnamento nella postmodernità (2014), I racconti di Dio. Pensare la teologia narrativa (2015) e Il compito del testimone. Dispersione e futuro del cristianesimo (2015).