Gesù figlio di Dio

Approccio biblico-teologico

Pubblicazione:  11 maggio 2015
Edizione:  1
Pagine:  120
Peso:  193 (gr)
Collana:  B3 Nuovi saggi teologici
Formato:  140x210x10 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810412060 9788810412060
€ 11,20 € 9,52
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,68 ogni copia
Descrizione
Se è facile comprendere l’umanità di Gesù, ben più controversa è l’accettazione della sua divinità, una fede che nasce nel mondo religioso del giudaismo ed è presente, secondo categorie proprie, nelle testimonianze più antiche che si ricavano dai testi del Nuovo Testamento. Lo studio, che propone un approccio essenzialmente storico-critico, scarta l’idea di un uomo divinizzato dai suoi seguaci – ritenuta da escludere nell’ambiente giudaico nel quale è nata la prima comunità cristiana – e focalizza l’attenzione sui titoli con cui egli presenta se stesso. Le parole e l’attività del Gesù prepasquale rivelano infatti una coscienza relazionale (filiale in rapporto a Dio, pro-esistente in rapporto all’uomo) e funzionale, cioè consapevole di un mandato unico nella storia della salvezza. L’unanime testimonianza degli scritti neotestamentari svela l’orizzonte di un Gesù «innestato in Dio», non uomo divinizzato né altro Dio accanto a JHWH, ma volto del Dio unico nella sua realtà di comunione.
Sommario
Introduzione. 1. Il problema.  2. Il cambiamento culturale.  I. L’autocoscienza di Gesù. 1. Introduzione: evoluzione dell’indagine.  2. Sapeva Gesù di essere Dio?  3. Cosa dice Gesù di sé: i titoli.  4. Conclusione.  II. Il comportamento di Gesù. 1. Gesù e la Legge di Mosè.  2. Il potere di Gesù.  3. Gesù e i discepoli.  4. Gesù e la sua relazione con Dio.  5. Conclusione: sapeva Gesù di essere Dio?  III. Origine della fede nella divinità di Gesù. 1. Il ministero prepasquale di Gesù?  2. Una comprensione che ha origine dall’Antico Testamento?  3. Pasqua, all’origine della fede nella divinità di Gesù.  IV. Come Gesù è Dio? 1. Introduzione.  2. Gesù Signore e Figlio.  3. Una cristologia «adozionista»?  Conclusione.
Note sull'autore
Gérard Rossé è ordinario di Teologia biblica all’Istituto universitario Sophia a Figline Incisa Valdarno (Firenze) e docente di Esegesi biblica nelle scuole di formazione del Movimento dei Focolari in Italia e Svizzera. Esperto del Nuovo Testamento, si è dedicato soprattutto all’opera lucana. Tra le sue pubblicazioni recenti: Il Vangelo di Luca. Commento esegetico e teologico (Città Nuova 52012), Atti degli Apostoli (San Paolo 2010) e Paolo e l’Europa, scritto con il filosofo Vincenzo Vitiello (Città Nuova 2014).