La Linea obliqua

Il ruolo della tecnologia nella riflessione teologica

Pubblicazione:  26 gennaio 2015
Edizione:  1
Pagine:  212
Peso:  258 (gr)
Collana:  B3 Nuovi saggi teologici
Formato:  140x210x12 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810408476 9788810408476
€ 22,00 € 18,70
Sconto:  15%
Risparmi: € 3,30 ogni copia
Descrizione
Quale è il ruolo della tecnologia all’interno del Disegno divino sul mondo? È possibile associare le parole «Dio» e «tecnologia» in un qualche tipo di proposizione significante? E se la teologia è incapace di elaborare questo nesso non rischia di lasciare la tecnologia orfana di ogni paternità spirituale e in balìa delle sole ideologie? Dopo un esordio sulla filosofia novecentesca e sulle interpretazioni cristiane del mito di Prometeo, la riflessione proposta dall’autore si inserisce in un percorso teologico più tradizionale, con un’analisi minuziosa dei testi del concilio Vaticano II e di altri più recenti documenti del magistero, recuperando le acquisizioni delle cosiddette «teologia delle realtà terrestri» e «teologia della storia». Un capitolo è dedicato al confronto con alcune figure della cultura filosofica e teologica contemporanea particolarmente impegnate nella comprensione del fenomeno tecnologico, da Tanzella-Nitti a Barrajon, da Severino a Galimberti, da Cole-Turner a Kelly.
Sommario
Premesse.  Introduzione.  I. Osservazioni, appunti, spunti.  II. Letture e riflessioni.  III. Excursus sulla figura di Prometeo e sulle sue interpretazioni.  IV. Le indicazioni del Magistero.  V. Lettura pneumatologia della contemporanea filosofia della tecnologia.  VI. Le dieci azioni teologiche della tecnologia.  Bibliografia.  Indice dei nomi.
Note sull'autore
Andrea Vaccaro, docente all’Istituto di Scienze Religiose Galantini di Firenze, è vicedirettore della Scuola di Teologia della diocesi di Pistoia. Collaboratore di Avvenire, Rassegna di teologia, Vita e pensiero, Quaderni di semantica e Sapienza, con EDB ha pubblicato Perché rinunziare all’anima? La questione dell’anima nella filosofia della mente e nella teologia (22002) e L’ultimo esorcismo. Filosofie dell’immortalità terrena (2009). Tra le sue pubblicazioni più recenti: Bit Bang. La nascita della filosofia digitale, con Giuseppe O. Longo (Apogeo, 2013) e Il dogma del paradiso (Lup 2006).