Perché rinunziare all'anima?

La questione dell'anima nella filosofia della mente e nella teologia

Pubblicazione:  1 gennaio 2001
Edizione:  1
Pagine:  132
Peso:  162 (gr)
Collana:  B3 Nuovi saggi teologici
Formato:  140x215
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810405628 9788810405628
Ultima ristampa:  1 febbraio 2002
€ 13,40 € 11,39
Sconto:  15%
Risparmi: € 2,01 ogni copia
Descrizione
Tempi difficili per il termine «anima» che si trova a dover fronteggiare sia gli attacchi violenti di un certo schieramento filosofico, sia i ripensamenti di determinate correnti teologiche. La nostra cultura, più che negare manifestamente lo statuto ontologico dell’anima o quantomeno la sua permanenza in vita oltre la morte dell’individuo, ne mina i fondamenti e la credibilità attraverso sospetti, illazioni, congetture. I concetti di “persona”, “pensiero”, “umanità” smarriscono e confondono i propri contenuti, mentre le biotecnologie avanzano e i computer battono gli umani non solo al gioco degli scacchi. L’autore intende quindi fare un po’ di chiarezza e ordine sulla questione dell’anima. La prima parte della sua ricerca presenta le origini e gli orientamenti maggiori della contemporanea filosofia della mente, con una sintetica apertura sulla storia e sullo stato attuale dell’Intelligenza Artificiale. La seconda, si occupa di storia della teologia, tentando di far emergere il significato autentico del concetto di «anima», ricercandolo nelle radici vetero e neotestamentaria, nella Tradizione, nelle indicazioni magisteriali, negli sviluppi teologici contemporanei.
Sommario
Introduzione.  I. La questione dell’anima nella filosofia della mente.  II. La questione dell’anima nella teologia.  Conclusione.  Bibliografia.
Note sull'autore
ANDREA VACCARO, laureato in filosofia e in pedagogia, con diploma in teologia, ha pubblicato saggi sulle riviste Sapienza (Napoli), Atque (Firenze), Quaderni di semantica (Bologna).