Chiamati alla libertà

Pubblicazione:  24 maggio 2010
Edizione:  1
Pagine:  240
Peso:  414 (gr)
Collana:  A11 Retorica biblica
Formato:  170x240x15 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Tradotto da Romeo Fabbri  -  Tradotto da Roland Meynet
EAN:  9788810251102 9788810251102
€ 23,50 € 4,70
Sconto:  80%
Risparmi: € 18,80 ogni copia
Descrizione
Tema unico del volume è la libertà, a cui Israele è chiamato. L’autore lo sviluppa in tre tappe – il dono della libertà, la legge della libertà, gli inni alla libertà – di indubbia unità e coerenza, pur associando tre generi letterari così diversi come quelli del racconto, della legge e della preghiera. La storia di Israele comincia con la liberazione dall’Egitto: attraversando le acque del Mar Rosso una famiglia di schiavi nasce come popolo libero. Accede quindi alla parola, può rivolgersi agli altri e al suo Signore in un canto che celebra «il dono della libertà». Il Dio che si presenta nel Decalogo si definisce liberatore: «Sono io, il Signore tuo Dio, che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa degli schiavi». Secondo la doppia legge positiva del sabato e dell’onore dovuto al padre e alla madre, su cui è incentrato il Decalogo, l’uomo è invitato a non ridurre il proprio figlio/figlia in schiavitù; al contrario, è chiamato a liberare il proprio schiavo/schiava e l’immigrato, trattandoli come figli. Gli viene proposto, come figlio di Dio, di imitare la condotta di quest’ultimo. È «la legge della libertà». Dall’esodo nasce la Pasqua. I figli di Israele avrebbero via via composto e cantato i sette salmi della «lode di Pasqua» (Sal 113–118) e della «grande lode» (Sal 136), poi ripresi nella celebrazione familiare della festa. Attraverso «gli inni alla libertà» la parola dell’uomo e quella di Dio entrano in un reciproco scambio, costitutivo del rito.
Sommario
Prefazione.  I. Il dono della libertà. 1. Il passaggio del mare (Es 14).  2. Il Canto del mare (Es 15).  II. La legge di libertà. 3. Il Decalogo del libro dell’Esodo (Es 20,2-17).  4. Il Decalogo del libro del Deuteronomio (Dt 5,6-21).  5. Perché due Decaloghi?  III. Inni alla libertà. 6. «Chi è come il Signore nostro Dio?» (Sal 113).  7. «Che hai tu, mare, per fuggire?» (Sal 114).  8. «Israele, confida nel Signore!» (Sal 115).  9. «Io credo» (Sal 116).  10. «Lodate il Signore, tutti i popoli!» (Sal 117).  11. «La destra del Signore è esaltata!» (Sal 118).  12. «Sì, per sempre la sua fedeltà» (Sal 136).  Epilogo.  Sigle e abbreviazioni.  Lessico dei termini tecnici.  Bibliografia.  Indici.
Note sull'autore
ROLAND MEYNET (Thonon-les-Bains [Francia] 1939), è entrato nella Compagnia di Gesù nel 1959. Ha conseguito le licenze in lettere, linguistica, teologia, scienze bibliche, la laurea in lingua e letteratura araba, il dottorato di terzo ciclo e il dottorato di ricerca in linguistica. Ha lavorato quattordici anni all’Università San Giuseppe dei gesuiti a Beirut, dove è stato direttore del Centro di ricerche e di studi arabi e ha fondato il Centro di studi delle lingue moderne e la Scuola di traduttori e interpreti. Professore emerito di teologia biblica alla Facoltà di teologia della Pontificia Università Gregoriana, è stato per parecchi anni professore invitato all’Università degli studi di Torino e alla facoltà di teologia del Centre Sèvres di Parigi. Dirige, con Pietro Bovati, le collane «Rhétorique biblique» alle Éditions du Cerf e «Retorica biblica» alle EDB. Ha pubblicato per le EDB: La Pasqua del Signore (2002), Morto e risorto secondo le Scritture (2003), Il Vangelo secondo Luca. Analisi retorica (2003), Leggere la Bibbia. Un’introduzione all’esegesi (2004), Una nuova introduzione ai Vangeli sinottici (22006), Trattato di retorica biblica (2008); inoltre ha curato con J. Oniszczuk Retorica biblica e semitica 1 (2009).