In ascolto delle Scritture di Israele

Prefazione del card. Carlo Maria Martini

Pubblicazione:  2 maggio 2012
Edizione:  1
Pagine:  136
Peso:  144 (gr)
Collana:  B17 Cristiani ed ebrei
Formato:  120x185x11 (mm)
Confezione:  Brossura
Prefazione di:  Carlo Maria Martini
EAN:  9788810207055 9788810207055
€ 12,90 € 2,58
Sconto:  80%
Risparmi: € 10,32 ogni copia
Descrizione
Se le Scritture ebraiche confluiscono, col nome di Antico Testamento, a formare, assieme al Nuovo, la Bibbia dei cristiani, è indubbio che esse conservano una propria irriducibile interpretazione, autonoma e distinta rispetto al cristianesimo. Su questa confluenza e irriducibilità intervengono una voce ebraica e una cristiana. Il volume costituisce la terza uscita della collana «Cristiani ed ebrei», volta a promuovere la conoscenza dell’ebraismo vivente e a rendere possibile un processo di riconciliazione delle Chiese cristiane nei confronti del popolo di Israele.
Sommario
Prefazione (C.M. Martini).  UNA PROSPETTIVA EBRAICA (A. Luzzatto). I SETTANTA SENSI DELLA SCRITTURA. 1. Breve premessa.  2. I tre tempi della Scrittura.  3. Dai profeti «a ritroso».  4. La normativa ebraica.  5. Dai profeti «in avanti».  6. Scrivere la Bibbia, leggere la Bibbia.  OLTRE LA DEI VERBUM (L. Nason). I CRISTIANI E LA LETTURA EBRAICA DELLA SCRITTURA. 1. Oltre la Dei Verbum.  2. Il ruolo dell’interpretazione nello sviluppo della tradizione biblica.  3. Il giudaismo rabbinico e la Tôrāh.  4. Il midrash e le regole ermeneutiche.  5. Il Pardes: i quattro significati della Scrittura.  Bibliografia.
Note sull'autore
AMOS LUZZATTO, medico, già presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane e attualmente Presidente della Comunità ebraica di Venezia, è studioso di cultura ebraica e da molti anni interlocutore nel dialogo ebraico-cristiano.LUIGI NASON, presbitero e biblista, è responsabile per l’Apostolato Biblico nell’Arcidiocesi di Milano e collaboratore del Servizio per l’ecumenismo e il dialogo per i rapporti con l’ebraismo. Fa parte del gruppo interconfessionale Teshuvà.