Custodire il creato

Teologia, etica e pastorale

Pubblicazione:  25 febbraio 2013
Edizione:  1
Pagine:  208
Peso:  265 (gr)
Collana:  G1 Oggi e domani
Formato:  140x210x14 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Introduzione di Roberto Presilla  -  Inchiostrato o colorato da Roberto Repole  -  Inchiostrato o colorato da Sergio Bastianel
EAN:  9788810140741 9788810140741
€ 12,80 € 2,56
Sconto:  80%
Risparmi: € 10,24 ogni copia
Descrizione
Esiste un pensiero teologico sui problemi ambientali? A che cosa serve la teologia quando si riflette sull’inquinamento, la riduzione dei rifiuti, il cambiamento climatico e l’uso dell’acqua? La fede cattolica è stata più volte accusata di sostenere un antropocentrismo distruttivo teso a giustificare lo sfruttamento dell’ambiente, ma il messaggio biblico va in direzione opposta, ricordando che il creato costituisce il luogo e il tempo dell’incontro tra l’uomo e Dio. I testi raccolti nel volume, orientati ad approfondire modi e concetti utili a ripensare ed educare cristianamente la sensibilità nei confronti dei problemi ambientali, nascono da alcune iniziative del gruppo di studio “Custodia del creato”, promosso presso la Segreteria generale della Conferenza Episcopale Italiana dall’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro assieme al Servizio nazionale per il progetto culturale.
Sommario
Introduzione (R. Presilla).  Presentazione (R. Repole – S. Bastianel).  DISEGNARE SPAZI EDUCATIVI. Educare alla custodia del creato (A. Casile).  Confessare il Creatore, custodire il creato. Ripensare un percorso di ricerca (S. Morandini).  PERCORRERE IL CREATO TRA ETICA E TEOLOGIA. «E Dio vide che ciò era buono» (A. Barbi).  Una responsabilità filiale. Teologia della creazione e questione ambientale (F. Scanziani).  Dottrina sociale della Chiesa e responsabilità per il creato (L. Lorenzetti).  Una spiritualità ecologica dell’abitare, un’etica del custodire (G. Quaranta).  Custodire la terra per il bene comune (P.D. Guenzi).  LE BUONE PRATICHE DEL CUSTODIRE. Custodire il creato, rinnovare le pratiche. Prospettive per una pastorale del creato (L. Bressan).  L’esperienza di pastorale del creato della diocesi di Brescia (G. Scalmana).  Custodire il creato: rinnovare le pratiche (M. Mascia).
Note sull'autore
L’UFFICIO NAZIONALE DELLA CEI PER I PROBLEMI SOCIALI E IL LAVORO è stato istituito dal Consiglio Episcopale Permanente nel 1975. Nel 1992 all’ambito del lavoro si sono aggiunti l’economia e la politica. Nel 2000, l’Ufficio si è arricchito degli ambiti “giustizia e pace” e “custodia del creato”. Attraverso la propria Consulta assicura il collegamento con le regioni ecclesiastiche, le diocesi e altri soggetti ecclesiali di rilievo nazionale e usufruisce di una qualificata consulenza.Il SERVIZIO NAZIONALE DELLA CEI PER IL PROGETTO CULTURALE è attivo dal 1997 come centro di raccordo per i diversi soggetti impegnati nell’attuazione del progetto culturale, al fine di sviluppare l’aspetto culturale dell’evangelizzazione nei diversi settori della vita della Chiesa. Il Servizio svolge un’azione di monitoraggio, di osservatorio e di documentazione sulle iniziative volte a coniugare fede e cultura; organizza incontri di studio e iniziative a carattere nazionale su temi di particolare rilievo. Dal 2000 EDB pubblica gli atti dei Forum del Progetto culturale.