Anticlericali e clericali

Dal Risorgimento italiano alla nonviolenza

Pubblicazione:  1 gennaio 2006
Edizione:  1
Pagine:  64
Peso:  102 (gr)
Collana:  G1 Oggi e domani
Formato:  140x210
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810140260 9788810140260
Ultima ristampa:  1 marzo 2006
€ 7,30 € 6,21
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,09 ogni copia
Descrizione
La stesura della vita di mons. Luigi Moreno, vescovo di Ivrea dal 1838 al 1878, è per mons. Bettazzi occasione di riflessione circa la posizione dei cattolici in politica all’epoca del Risorgimento. Essa oscillava tra due visioni contrapposte: da un lato il costituirsi nel mondo civile e sociale del corpo dei cattolici che, a motivo del suo peso, avrebbe potuto imporre i propri intenti al resto della popolazione, dall’altro una prospettiva «laica», che chiedeva ai cristiani di vivere la vita sociale assieme gli altri, aggregandosi secondo valutazioni frutto delle analisi umane sull’organizzazione della convivenza civile. «Poiché mi è parso che le due posizioni del mondo ecclesiale di quel tempo in realtà esprimessero due atteggiamenti possibili dei cattolici in ogni età della storia, ho voluto richiamare quella lontana vicenda per invitare a una riflessione che possa coinvolgere anche i cattolici (ma anche i non cattolici) di oggi e di domani. E credo che, a parte le posizioni personali, sia utile comunque aver posto il problema» (dalla Premessa).
Sommario
Premessa.  1. Lo Statuto del 1848, L'Armonia, don Margotti.  2. Né eletti né elettori.  3. Le esitazioni del Vaticano.  4. Lo spettro del socialismo.  5. La vittoria dell’astensionismo.  6. Liberali cattolici?  7. Al di là delle etichette.  8. Una riflessione storico-ecclesiale.  9. Una riflessione ideologica.  10. Una riflessione evangelica.
Note sull'autore
Mons. LUIGI BETTAZZI (1923) è vescovo emerito di Ivrea. Laureato in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e in filosofia presso l’Università degli studi di Bologna, viene ordinato sacerdote nel 1945. Impegnato nei movimenti giovanili, è nominato assistente diocesano e vice-assistente nazionale degli universitari cattolici della F.U.C.I. Nominato vescovo ausiliare di Bologna il 10.8.1963, viene trasferito a Ivrea il 26.11.1966. È stato presidente di Pax Christi Italia e presidente della Commissione Iustitia et pax della Conferenza episcopale italiana.