Riforma della Chiesa e primato della fede

Per un'ermeneutica del concilio Vaticano II

Pubblicazione:  6 maggio 2013
Edizione:  1
Pagine:  56
Peso:  82 (gr)
Collana:  M2 Cammini di Chiesa
Formato:  110x185x5 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810512142 9788810512142
€ 5,00 € 1,75
Sconto:  65%
Risparmi: € 3,25 ogni copia
Descrizione
Il volumetto propone la prolusione d’apertura al Convegno internazionale «Il concilio ecumenico Vaticano II alla luce degli archivi dei padri conciliari» (3-5.10.2012), promosso dal Pontificio comitato di scienze storiche in collaborazione col Centro studi e ricerche «Concilio Vaticano II» della Pontificia università lateranense. Il contributo si sofferma su tre nodi ermeneutici emergenti dai principali fatti e documenti del periodo di cui il Congresso si occupa: il rapporto tra l’elemento teologico e quello storico, e di conseguenza la definizione del «soggetto» dell’ermeneutica conciliare; la questione dell’«indole pastorale del Vaticano II»; e l’intreccio tra «evento» e «corpus dottrinale». L’intenzione dichiarata, «offrire qualche pista per un’adeguata ermeneutica conciliare necessaria per comprendere il processo di recezione», trova nell’idea di riforma nella continuità, proposta da Benedetto XVI, la categoria che sembra «più conveniente per leggere la natura dell’evento conciliare e per un’adeguata ermeneutica del suo corpus nell’ottica della pastoralità».
Sommario
Avvicinarsi oggi al concilio.  I. Il soggetto dell’ermeneutica conciliare.  II. L’indole pastorale del concilio.  III. Evento e corpus dottrinale.  IV. «La Chiesa prosegue il suo pellegrinaggio».
Note sull'autore
ANGELO SCOLA, cardinale, è arcivescovo di Milano. Ha insegnato Antropologia teologica al Pontificio istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia della Pontificia Università Lateranense, della quale è stato rettore magnifico. Nel 2002 è stato nominato patriarca di Venezia e nel 2005 è stato relatore generale della XI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, dedicata a «L’eucaristia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa».