Voglio, dunque sono

La teologia morale di Giuseppe Angelini. Con un saggio di Stefano Zamboni. Postfazione di Giuseppe Angelini

Pubblicazione:  9 maggio 2011
Edizione:  1
Pagine:  256
Peso:  318 (gr)
Collana:  C5 Etica teologica oggi
Formato:  140x210x11 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Contributi di Stefano Zamboni  -  Appendice di Giuseppe Angelini
EAN:  9788810406120 9788810406120
Ultima ristampa:  9 maggio 2011
€ 23,80 € 4,76
Sconto:  80%
Risparmi: € 19,04 ogni copia
Descrizione
Giuseppe Angelini è uno dei più noti rappresentati della “scuola” teologica milanese. I due saggi di apertura, che costituiscono la prima parte del volume, tentano di offrire sia una versione abbreviata del suo progetto teologico, sia una sua valutazione critica. La seconda parte del volume rilegge alcuni dei principali temi della morale fondamentale in confronto con il suo pensiero. Complessivamente, il testo raccoglie i frutti di un’attività più che trentennale di studio e di insegnamento della disciplina.
Sommario
Introduzione.  I. LA TEOLOGIA MORALE FONDAMENTALE DI G. ANGELINI. UNA VISIONE SINTETICA (G. Quaranta). Premessa.  Introduzione.  1. La teologia morale: stato presente della ricerca.  2. La storia della dottrina morale cristiana.  3. Teologia biblica dell’esperienza morale.  4. Ripresa sintetica.  II. IL PROGETTO TEOLOGICO-MORALE DI G. ANGELINI. Esposizione e considerazioni critiche (M. McKeever e G. Quaranta). Introduzione.  1. Identità e compiti della teologia morale fondamentale.  2. Considerazioni critiche e valutazione globale.  Conclusione. Prospettive per la teologia morale fondamentale.  III. LA TEOLOGIA MORALE SI TROVA IN «CRISI EPISTEMOLOGICA»? UNA LETTURA DELLA TEOLOGIA MORALE FONDAMENTALE DI G. ANGELINI ALLA LUCE DEL PENSIERO DI ALASDAIR MACINTYRE SULLE CRISI EPISTEMOLOGICHE (M. McKeever). Introduzione.  1. Che cos’è una «crisi epistemologica»? (A. MacIntyre).  2. Una rilettura di Angelini in chiave di crisi epistemologica.  3. Il contributo di Angelini al superamento della crisi epistemologica.  4. Fare teologia morale «dopo Angelini».  IV. IL «POSTO» DELLA BIBBIA NEI MANUALI DI TEOLOGIA MORALE FONDAMENTALE (M. McKeever e G. Quaranta). Introduzione.  1. Uno sguardo al passato.  2. Bibbia e morale in alcuni manuali di morale fondamentale.  3. Una possibile griglia interpretativa.  4. Bibbia e morale in Giuseppe Angelini.  5. Bibbia e morale: un confronto tra G. Angelini e i manuali post-conciliari di teologia morale fondamentale.  Conclusione.  V. LA LEGGE MORALE NATURALE IN G. ANGELINI (S. Zamboni).  1. Le ragioni di una crisi.  2. Una radicale retractatio.  3. La natura escatologica della legge naturale.  4. Alcune domande.  POSTFAZIONE. CRITICA DELLA DOTTRINA E ASCOLTO DELLA COSCIENZA (G. Angelini). 1. I difetti di incompiutezza.  2. Presenza residuale di vecchi codici.  3. Riflessione sistematica o mera raccolta di appunti?  4. Un indice che si cerca.  5. Le ragioni teoriche del dissenso: teologia e filosofia.  6. La tesi centrale e la teologia della morale.  7. Una critica troppo radicale della tradizione?
Note sull'autore
MARTIN MCKEEVER (Belfast 1958) è sacerdote redentorista. Laureato in filosofia e letteratura inglese alla University College Galway, ha studiato teologia a Dublino e ha conseguito il dottorato in teologia morale a Roma. Dal 1997 è professore di morale sociale all’Accademia Alfonsiana, della quale è attualmente preside. Per sei anni è stato direttore della rivista Studia Moralia. GIUSEPPE QUARANTA (1971), francescano conventuale, dottorato in teologia morale presso l’Accademia Alfonsiana di Roma, è attualmente docente di teologia morale presso la Facoltà Teologica del Triveneto. La sua tesi di dottorato, La cultura pieno sviluppo dell’umano. Il concetto e la funzione della cultura nel pensiero di Bernhard Häring, è stata pubblicata come primo volume della collana «Tesi Accademia Alfonsiana» (Roma 2006). Rettore della Scuola di formazione teologica dei Frati minori conventuali di Padova dal 2006, dal 2008 è membro della redazione della rivista teologica Credere Oggi.