Il Compagno Cristo

Vangelo del reduce. Edizione critica a cura di Giorgio Vecchio

Pubblicazione:  1 gennaio 1977
Edizione:  4
Pagine:  272
Peso:  234 (gr)
Collana:  H3 Primo Mazzolari
Formato:  120x190
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810108055 9788810108055
Ultima ristampa:  1 gennaio 2008
€ 19,50 € 18,53
Sconto:  5%
Risparmi: € 0,97 ogni copia
Descrizione
«Eccellenza, speravo di poterVi portare personalmente Il compagno Cristo, ma sono rimasto senza tempo. Il titolo forse non Vi piacerà: non piace molto neanche a me; ma per metterlo in certe mani ho creduto di ascoltare il suggerimento degli editori. Infatti parecchi comunisti ne furono già invogliati, è esca degli ultimi». Così il 18 marzo del 1946 don Mazzolari scriveva al proprio vescovo, mons. Cazzani, nel consegnargli un volume che nelle sue intenzioni avrebbe dovuto titolarsi Il Vangelo del reduce. Egli ne iniziò la stesura nell’estate del 1942, pur nella consapevolezza che una tale opera avrebbe dovuto attendere la conclusione del conflitto per poter essere stampata. Di certo le ambiguità del titolo fornirono un ottimo alibi a quanti non volevano neppure confrontarsi con il pensiero dell’autore. Lo sforzo di don Mazzolari consiste nella presentazione dell’essenza del messaggio evangelico ai giovani e agli uomini del 1945, ai ‘reduci’ da tutti i fronti della guerra: egli vuole mostrare la piena aderenza della proposta di Cristo alla loro condizione umana. Di fronte alle sofferenze patite dal reduce, il parroco di Bozzolo si impegna a fornire un’immagine di Gesù anzitutto come ‘liberatore’, echeggiando le idealità dei giorni successivi alla Liberazione politica, ma il suo messaggio si muove in un’ottica pienamente religiosa e ad un tempo capace di porre le premesse per l’edificazione di una società diversa. Con questo volume la Fondazione Don Primo Mazzolari e le EDB danno inizio all’edizione critica delle opere di Mazzolari. I criteri della revisione vengono di volta in volta illustrati dal curatore, nella nota introduttiva che apre ogni titolo.
Sommario
Introduzione (G. Vecchio).  Presentazione (N. Fabbretti).  Prologo.  I. Il liberatore dell’uomo.  II. L’amico dell’uomo.  III. Il Figlio dell’Uomo.  IV. Il Figlio di Dio.
Note sull'autore
PRIMO MAZZOLARI (Boschetto CR, 1890 - Cremona 1959) viene ordinato sacerdote nel 1912. Nel 1932 è nominato parroco di Bozzolo, luogo definitivamente legato al suo nome. Pacifista sensibile alla causa degli oppressi e alla prospettiva ecumenica, anticipò molte posizioni del Vaticano II dalle pagine del suo giornale Adesso e nei suoi libri. Agli scritti di don Primo Mazzolari le EDB hanno dedicato la ristampa integrale delle annate di Adesso e un’intera collana ormai esaurita, di cui sono stati da poco ristampati: Rivoluzione cristiana; Della fede - Della tolleranza - Della speranza; La parola che non passa; Lettere al mio parroco; La Via crucis del povero; Lettere ai familiari. Sono inoltre già state pubblicate le nuove edizioni ampliate e con inediti di Diario. I (1905-1915), Diario. II (1916-1926), Diario III/A (1927-1933) e Diario III/B (1934-1937).GIORGIO VECCHIO è professore ordinario di storia contemporanea presso l’Università degli Studi di Parma. Nei suoi studi si è occupato di storia del movimento cattolico italiano ed europeo, dei movimenti pacifisti, della politica e della società italiana, di storia della famiglia, della persecuzione antiebraica e della società italiana nella II guerra mondiale. Tra i suoi interessi anche quello per la storia della bandiera nazionale italiana. È presidente del comitato scientifico della Fondazione Don Primo Mazzolari di Bozzolo.